GESTIONE REPUTAZIONALE ATTIVA

Con l’avvento dei social è determinante cogliere le opinioni “in tempo reale, al volo”; in quel momento sono spontanee.
Occorre tenere conto che sui social i post tendono a polarizzarsi su posizioni estreme, per altro, a sfavore della positività. Abbiamo riscontrato crescenti difficoltà a raccogliere spontaneamente opinioni libere e puntuali attraverso interviste; tutti hanno fretta e non tutti sono sinceri e obiettivi nelle loro valutazioni: l’estemporaneità e l’occasionalità rendono sempre meno apprezzabili le indagini di questo tipo. Occorre avere a disposizione un panel di Consumatori che hanno interesse e sono predisposti alla collaborazione., purché ordinati in cluster d’interesse espresso.
Per questo è bene, per la gestione reputazionale, avvalersi anche del WOR e del SOCIAL SET

Social Set

Il Mercato riconosce maggior successo a quelle attività produttive che hanno un dialogo amichevole e costruttivo con i Consumatori, basato sulla reciproca fiducia e sulla condivisione delle esperienze attraverso un interscambio continuo e costruttivo.
Sono proprio i Consumatori, attivi nel coinvolgimento e nella partecipazione, a fornire le informazioni più autentiche e utili; sono questi i cosiddetti prosumer, scovati dal native influencer tra i propri follower o nei group (gruppi di discussione), che ricevono informazioni e contemporaneamente fanno valutazioni su come considerano le Imprese, quanto le ritengano credibili, attendibili, convincenti, raccontando le loro esperienze, commentando idee nell’interazione.
Il Social Set gestisce l’informazione e la contro-informazione web con una rete multipolare di native influencer, Consumatori diventati esperti, riconosciuti dopo una attività di interazione indipendente costruita nei social network; native, appunto, perché “figli” del web; influencer perché accreditati e credibili presso il proprio pubblico.
I native influencer agiscono come amici, non hanno interessi o collegamenti con le Imprese, quindi come terzi indipendenti facilitano l’engagement, partecipano alla definizione di sentiment e trend con cui valorizzano il consumer clout (il potere dei Consumatori) e si oppongono alla contaminazione mediatica.
Abbiamo studiato questo meccanismo di informazione, sempre più importante, come uguale e contrario alle formule esistenti, che influenzano il pubblico in maniera unilaterale ed orientata. Una innovazione che porta, in generale, una ventata positiva e interessante nella comunicazione online, perché impostata nell’interesse generale.
Infatti, le piattaforme social si stanno evolvendo e si stanno strutturando per qualificare e, quindi, dare priorità alle informazioni accreditate dagli utenti.
I social premiano l’autorevolezza decretata da chi effettivamente è coinvolto.
I professional influencer cominciano ad essere inflazionati, rappresentano masse e non colgono cluster qualificati; sono a rischio di manipolazioni interpretative e sospetti che gonfino i follower. La comunicazione virale social apre l’interesse agli influencer amatoriali, quelli che definiamo native. Sono tantissimi, quando messi in una rete organizzata – che chiamiamo Social Set – fanno un coro univoco di cluster qualificato; sono autentici e spontanei, puri e sinceri, non conoscono manipolazioni o alterazioni esterne.
I native influencer e i group sono utenti normali, al massimo con qualche migliaio di follower ognuno, una platea motivata e partecipante, lontana dall’ingaggio delle agenzie tradizionali che pompano i social con azioni di web marketing capaci di persuasione forzata, artificiosa.
L’effetto dei native influencer e dei group comincia ad essere evidente quando, nel complesso, una campagna Social Set fa evidenziare un tasso di conversione più elevato con un costo unitario minore; oltretutto senza i vincoli e le formalità pretese dai professional influencer.
Markonet da tempo ha organizzato il suo Social Set, ora confluito nel Campus di ConsumerLab, realizzando una comunità che si sta raffinando e diffondendo con lo spirito originario del social networking.

Check in Rome, il freepress per il tuo tempo libero!

check in rome

Check in Rome è un mensile gratuito distribuito presso l’aeroporto Leonardo da Vinci (Fiumicino), realizzato da Markonet con la collaborazione di Aeroporti di Roma e Codacons, in cui vengono selezionati i più importanti appuntamenti nella città di Roma: mostre, concerti, danza, teatro, festival, eventi per bambini e molto altro.

Il magazine dedica uno spazio alle novità che riguardano l’aeroporto e agli eventi che si svolgono e presso i terminal di Fiumicino: nel primo numero, per esempio, il protagonista è stato lo chef stellato Heinz Beck, che ha aperto al Leonardo Da Vinci il ristorante ‘Attimi’.

La rivista è distribuita gratuitamente in 50.000 copie presso i desk informativi dello scalo, sulle sedute vicino i gate di imbarco e su espositori dedicati dove i passeggeri potranno facilmente individuarla. La versione digitale del magazine, visibile all’indirizzo www.checkinrome.net, si propone di raccogliere segnalazioni, suggerimenti e giudizi di chi transita nel principale aeroporto italiano, necessari per garantire che lo scalo continui a occupare le prime posizioni nelle classifiche di gradimento dei passeggeri, tra i migliori hub europei.

“Si tratta di un piccolo giornale gratuito che offre moltissimo ai viaggiatori – spiega il presidente Carlo Rienzi – Chi atterra a Fiumicino, infatti, avrà subito un quadro chiaro delle iniziative culturali in corso a Roma, e potrà meglio gestire il proprio tempo libero. Il magazine indica anche ai lettori i canali per entrare in contatto con Codacons”.

“Check in Rome è un nuovo strumento di informazione per i nostri viaggiatori, ai quali segnaliamo gli eventi culturali e di svago più importanti in aeroporto e in Città – ha detto l’ad di AdR Ugo de Carolis – Rafforziamo in questo modo il nostro legame con il territorio, la storia e le iniziative di Fiumicino e di Roma, di cui siamo la porta d’ingresso per i passeggeri di tutto il mondo. Siamo lieti di questa partnership con Codacons una realtà importante che, come noi, ogni giorno lavora per garantire la qualità a decine di migliaia di passeggeri, utenti e consumatori”

Markonet srl - Piazza Navona 45 - 00186 Roma - Tel +39.06.90287455 - P.IVA/CF: 12528191005 - Pec: markonetsrl@pec.it